Quando si parla di prescrizione di esercizio fisico, molti professionisti trascurano la periodizzazione perché pensano che sia sufficiente impostare una sessione di allenamento, ripetendola per sempre, in modo che l’obiettivo sia raggiunto o anche perché credono che non ci sia differenza nella periodizzazione o meno dell’allenamento fisico.

Per comprendere meglio questo problema, dobbiamo demistificare alcuni preconcetti (o pregiudizi) che persistono nello scenario dell’allenamento fisico, principalmente nell’ambito del fitness e del benessere , dove la palestra e le accademie di bodybuilding si adattano principalmente.

Allora, che ne dici di capire meglio alcuni principi di base della formazione? Continua a leggere l’articolo e dai un’occhiata!

I principi di base dell’allenamento fisico

Viviamo in un’epoca in cui sempre più persone sono alla ricerca di risultati pronti e immediati, ricorrendo spesso a magiche “ricette di torte” che portano al risultato atteso.

Questo risultato mostra come neghiamo un principio di base dell’allenamento fisico, il “Principio di individualità biologica” , vale a dire che ogni individuo è diverso l’uno dall’altro e risponde in modo diverso allo stesso stimolo. Pertanto, l’utilizzo della stessa prescrizione di allenamento (“ricetta”) di un atleta non garantisce che otterrò lo stesso risultato.

Sempre su questo argomento, un altro concetto necessario è la comprensione di “Risposta” rispetto a “Adattamento “. Quando parliamo di “risposta”, parliamo dell’effetto acuto derivante dall’esercizio fisico o dalla sessione di allenamento, ad esempio una risposta cardiovascolare sarebbe un aumento della frequenza cardiaca, perché l’aumento dello stress fisiologico fornito dall’esercizio fisico richiede una maggiore circolazione sanguigna per fornire la domanda di nutrienti e ossigeno, provocando un aumento della frequenza cardiaca in relazione allo stato di riposo. Una situazione del genere tende a tornare a uno stato di riposo, o molto vicino ad esso, dopo il recupero.

Pertanto, parlare del risultato atteso ci porta alla comprensione di “adattamento”, che si riferisce all’effetto cronico (a lungo termine) derivante dal processo di allenamento fisico, ad esempio un adattamento al bodybuilding sarebbe un aumento della forza muscolare , perché ripetuti stimoli con sovraccarico generano adattamenti neurali e morfologici che si traducono in un aumento della forza muscolare.

Si può quindi vedere quanto sia incoerente il fatto che le persone cerchino risultati immediati e non diano importanza alla corretta periodizzazione dell’allenamento fisico, anche da parte di alcuni professionisti dell’area allenamento, come allenatori e personali formatori .

Per ottenere un certo risultato atteso, è necessario generare adattamento, la formazione deve essere condotta a medio e lungo termine, essendo pianificata, organizzata, sistematizzata, controllata, individualizzata, cioè periodizzata.

Credenze e verità dell’allenamento fisico

A questo punto ti starai chiedendo: “Ora, se è così ovvio che la formazione a lungo termine è necessaria per generare l’adattamento e che la formazione a lungo termine dovrebbe essere condotta, perché molte persone credono che non sia necessario periodizzare la formazione per ottenere il risultato atteso? “.

La risposta a questa domanda si basa su due convinzioni errate: la prima è pensare che la periodizzazione sia una cosa per l’allenamento degli atleti ad alte prestazioni; e il secondo, parte dell’osservazione che un allenamento fisico incontrollato e non controllato può anche generare possibili adattamenti.

Per quanto riguarda la prima convinzione, tutta la formazione condotta a medio e lungo termine dovrebbe essere periodizzata, indipendentemente dal fatto che il tuo obiettivo sia raggiungere alte prestazioni, salute o estetica, dopotutto, stiamo cercando di generare adattamento organico.

Questo perché l’allenamento prolungato deve presentare una certa galleggiabilità in modo che l’individuo continui a mostrare risposte positive allo stimolo dato e non parcheggi a un certo livello di adattamento, o peggio, il suo adattamento può regredire e può anche sviluppare qualche tipo di lesione.

Tuttavia, ciò che determinerà tale galleggiabilità, anche quando e come si verificherà, è il controllo continuo dell’allenamento fisico, cioè se il tuo allenatore o personal trainer non esegue un controllo costante e quotidiano del tuo allenamento (carico utilizzato, percezione del carico, progressione del carico …) utilizzando fogli di calcolo e / o note, probabilmente questo non sta accadendo.

Tuttavia, se quanto detto sopra è corretto, come si può verificare che un allenamento incontrollato e non controllato possa generare anche degli adattamenti? È possibile?

Sì, questo è possibile e, a seconda dei casi, anche previsto, ma è qui che le persone dimenticano un piccolo dettaglio che fa la differenza: si verifica negli individui sedentari o con una forma fisica molto bassa, essendo quindi, qualsiasi stimolo si tradurrà in un adattamento maggiore di quello attuale.

E questo è il motivo principale per cui le persone screditano l’importanza della periodizzazione dell’allenamento fisico, poiché la maggior parte del pubblico che frequenta le palestre e / o il bodybuilding ha questa caratteristica (sedentaria o con basso livello di forma fisica) fisico).

Gli altri habitué che non rientrano in questa popolazione, cioè hanno un livello di forma fisica più elevato per allenarsi più a lungo, sono proprio gli individui che spesso non capiscono perché sono rimasti fermi nell’evoluzione dell’allenamento, non riuscendo a progredire ulteriormente.

Ciò è dovuto al fatto che sono individui adattati, facendo sì che l’organismo ad un certo punto raggiunga un plateau di adattamento che può essere superato solo dalla corretta manipolazione delle variabili di allenamento, qualcosa di simile a ciò che accade con gli atleti ad alte prestazioni. e ciò richiede una corretta e approfondita periodizzazione dell’allenamento fisico per ottenere il risultato atteso.

Per questo motivo, e anche perché non sono previsti eventi agonistici durante l’allenamento di un individuo che frequenta una palestra, c’è la convinzione che l’allenamento periodico sia qualcosa per atleti e / o sportivi ad alte prestazioni.

Conclusione

Pertanto, la prescrizione dell’allenamento fisico è un compito estremamente complesso e importante, che non può essere gestito con noncuranza indipendentemente dal pubblico di destinazione o dall’obiettivo da raggiungere.

Per questo, è essenziale che il professionista dell’educazione fisica cerchi costantemente di approfondire e aggiornare la conoscenza, poiché ciò fornirà sussidi da utilizzare in questo processo.

 

Alessandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *